Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

24 apr 2024
ANCORA E SEMPRE RESISTENZA
Scritto da Piergiorgio |
Letto 1116 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Se importanza e memoria di ciò che hanno significato LIBERAZIONE si sono attenuate (o smarrite?) nel nostro Pese, la responsabilità è di tanti.

Non basta farne memora una volta all’anno, magari ripetendo quelle che possono apparire come delle stanche liturgie in qualche modo dovute. No, serve conoscenza storica, studio di ciò che sta all’origine di quel fenomeno di popolo che è stata la Resistenza e conoscenza di quanto da essa è fiorito e che ha trovato codificazione nella nostra Costituzione. Ma ancora non è sufficiente. Non basta conoscere la Costituzione, quanto in essa c’è scritto, bisogna far propri i principi fondamentali da essa sanciti, frutto di intenso dibattito, di incontro di pensieri, esperienze e visioni di vita diverse, ma capaci di dialogare arrivando a sintesi condivise. Per conoscere quei pensieri, quelle visioni di vita, quelle esperienze è necessario riallacciarsi a quanti, in modi diversi hanno combattuto per la libertà scegliendo da quale parte stare e rischiando la vita. Bisogna rifarsi alle lettere dei torturati e condannati a morte dai nazifascisti. Persone di tutte le estrazioni sociali; donne e uomini, giovani e meno giovani, credenti e non credenti, che avevano un sogno: una società libera, democratica, giusta e di eguali, nella quale a tutti fossero garantiti diritti a una vita dignitosa e buona e dove tutti fossero ugualmente importanti, non solo pochi privilegiati e meno ancora capi e capetti a cui obbedire senza fiatare. Come la vita, anche l’esperienza di una liberazione la si può trasmettere principalmente soltanto con l’esempio. Ciò che significa essere liberi, capaci di ragionare con la propria testa, scegliere in modo responsabile e agire mossi dal desiderio del bene comune lo si apprende da testimoni credibili. È di questi che oggi siamo carenti e là dove mancano profeti e testimoni, subentrano i surrogati. Ecco perché è più che mai urgente una nuova resistenza; un movimento di persone desiderose e capaci di scuotersi di dosso l’apatia che pare contrassegnare fin troppe persone, disposte a battersi in modo nonviolento per rinnovare nel profondo questo nostro Paese, così che termini come democrazia, antifascismo, libertà tornino ad essere concetti chiari, condivisi e il più largamente vissuti e praticati.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1569323
OggiOggi709
IeriIeri1337
Questa settimanaQuesta settimana3194
Questo meseQuesto mese14346
TuttiTutti1569323