Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Mercoledì 28 Febbraio 2024 13:41
28 feb 2024
SE NON VI CONVERTITE
Scritto da Piergiorgio |
Letto 937 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Di questi tempi non sarebbe affatto vano rimeditare quanto narrato in Luca al capitolo 13,1-4. Forse anche noi, come quelli che riferirono a Gesù di quei Galilei che Pilato aveva fatto uccidere mentre stavano offrendo i loro sacrifici ci riteniamo innocenti

e quindi al riparo da possibili scenari di violenza e di guerra che colpiscono così duramente altre popolazioni in questi giorni drammatici e tristi. Non è così. Neppure noi siamo innocenti del sangue di quei giusti che per le scelte scellerate di governanti e piazzisti di armi stanno soffrendo l’incredibile. Magari non siamo colpevoli individualmente e siamo anche sinceramente dispiaciuti per loro, ma cosa facciamo di concreto perché cessino le loro sofferenze? Si potrà obiettare che determinate scelte sono in capo ad altri e non a noi, ed è pur vero, ma trascuriamo di aggiungere, così pensando che l’opinione pubblica ha ancora peso, se espressa e se esternata in modo convinto, insistente e pure rumoroso. Troppe persone vivono avvolte in una bolla: smarrite, forse, e forse turbate ma come fossero indifferenti a quanto accade. Eppure voci che si elevano a denunciare il pericolo che corriamo tutti, sia pure zittite e contrastate, ce ne sono molte. Allora perché la voglia di pace e la contrarietà alla guerra non sa farsi protesta forte, diffusa, insistente, capace di invertire la rotta di morte? Quando iniziò l’invasione russa dell’Ucraina i sostenitori della necessità, giustezza e inevitabilità della risposta militare, volta a difendersi da parte di quel popolo, di quello stato, raccolse ampi consensi. I sostenitori dell’invio di armi all’Ucraina si fecero forti dell’argomento che chi è aggredito ha il diritto sacrosanto alla difesa. Poi via via quel diritto si è ampliato diventando nel tempo esigenza di sconfiggere il nemico e conseguire una vittoria sul piano militare quale unica via per una pace giusta. A due anni di distanza l’unica cosa certa sono le migliaia di morti dall’una e dall’altra parte dei due eserciti in campo, le migliaia di vittime civili e la distruzione di un territorio, di paesi e città, paesaggi di morte e di rovina. Ma si persiste nell’idea che la soluzione sia ancora la guerra e non si fa mistero della possibilità/ eventualità di una discesa in campo di eserciti europei e della Nato. Lo ha prospettato il presidente francese Macron a cui ha fatto eco la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyn, affermando che la guerra non è imminente ma non impossibile. Già metterla tra le opzioni possibili significa che, se mai c’è stata, è abbandonata l’idea che sta alla base della nostra Costituzione che la ripudia come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. Ma la stessa Unione Europea era nata con l’intento di creare le basi di un’unione tra i popoli europei, salvaguardare la pace e ricercare l'unità politica. Invece rinascono i nazionalismi e in un mondo sempre più interconnesso e bisognoso di una rinnovata architettura istituzionale di livello mondiale in cui tutti i paesi siano rappresentati e contino alla pari, si preferisce imboccare strade già percorse in passato che non possono portare che alla catastrofe. Pertanto è più che mai vero che se non ci convertiremo, per tornare al brano evangelico richiamato, cioè se non ci sarà un cambio di mentalità e un nuovo modo di operare tra popoli, governi e nazioni, periremo tutti allo stesso modo.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1546709
OggiOggi1128
IeriIeri968
Questa settimanaQuesta settimana7811
Questo meseQuesto mese21788
TuttiTutti1546709