Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

01 feb 2023
DISIMPARARE LA GUERRA, IMPARARE LA PACE
Scritto da Piergiorgio |
Letto 792 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

C’è da supporre che qualunque persona dotata di un minimo di ragione sia per la pace piuttosto che per la guerra, se non altro perché a tutti è noto quanto la guerra sia portatrice di dolore e sofferenza.

Eppure a ben guardare non pare proprio che sia così. Lo dico a prescindere da chi, e sappiamo bene che esistono anche costoro, del combattere ne hanno fatto una professione. Neppure mi riferisco a chi dalla produzione, vendita e commercio delle armi ne fa il proprio business. E neanche mi riferisco a governanti e capi di stato che decidono in base a convenienze politiche, geostrategiche o mossi dal dovere di onorare alleanze e accordi sottoscritti di cui i loro popoli, tante volte, non sono neanche a conoscenza. A me pare che non siano in piccolo numero le persone che pur desiderando la pace ritengono che in determinate circostanze, se infranta o compromessa, possa o addirittura debba essere perseguita anche attraverso l’uso delle armi. Non è forse quanto sta accadendo nei dibattiti su e attorno alla guerra in corso in Ucraina? La tesi, bisogno riconoscerlo, è piuttosto seducente perché chi mai potrebbe alzarsi a condannare chi viene aggredito da qualcuno se questi reagisce difendendosi? Il problema è che di un principio in sé giusto, se riferito a una disputa tra persone, se ne ricava sic et simpliciter, una norma valevole anche per conflitti tra stati e paesi. Ciò che non torna in questo tipo di ragionamento, (poteva forse valere in passato?) è che al giorno d’oggi non c’è mai proporzione tra offesa e capacità di reazione difensiva. Le guerre moderne, generalmente combattute tra eserciti di professione e/o milizie al soldo di qualcuno sono condotte con l’intento di produrre il maggior danno possibile all’avversario colpendolo nella popolazione civile, nelle infrastrutture, nel territorio e naturalmente nel numero dei caduti. Se poteva essere vero in passato la locuzione latina attribuita a Publio Cornelio Tacito Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant (dove fanno il deserto, lo chiamano pace), oggi con gli strumenti di morte a disposizione è pura, semplice e tragica realtà di ogni guerra. Qualcuno potrebbe obiettare domandando: ma allora che si dovrebbe fare? soggiacere senza fiatare a qualsiasi sopruso, violenza, dominio imposto con la forza? Certamente no! Ciò che serve è un cambio di mentalità da parte di tutti noi e disponibilità ad imparare non più “l’arte” della guerra; questa va disimparata, ma l’arte della nonviolenza e della soluzione pacifica, non violenta dei conflitti che sempre ci saranno tra persone e popoli. È un cambio di paradigma che si rende necessario e non per sentirci più buoni, ma perché diversamente l’esito sarà la distruzione dell’umanità. Fino a che non impareremo a fare la pace, costruendola ogni giorno, si continueranno a combattere guerre come quella in corso in Ucraina e in altre parti del mondo, con noi a fare da spettatori dispiaciuti e resi impotenti da quanti, mossi da interessi diversi e convergenti, ha il potere di renderci tali.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1569339
OggiOggi725
IeriIeri1337
Questa settimanaQuesta settimana3210
Questo meseQuesto mese14362
TuttiTutti1569339