Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

20 feb 2024
DI QUANTI MORTI HA BISOGNO UNA GUERRA?
Scritto da Piergiorgio |
Letto 654 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Le guerre in atto nel mondo sono frutto certo di interessi contrapposti tra potenze, gruppi di potere foraggiati dalle industrie delle armi e bramosie di guadagni opachi e osceni,

ma anche dalla incapacità di un vero dialogo tra i popoli espropriati dalla loro possibilità di contare sulla scena del mondo. Nessuna pace sarà davvero possibile fintantoché i popoli non saranno in grado di ribaltare a loro vantaggio questo squilibrato rapporto tra loro e chi detiene il potere, sia esso conferito in modo più o meno democratico o da élite che lo hanno conseguito in modo truffaldino o violento. La gente comune in generale è contraria alla guerra perché è essa a pagarne il prezzo più grande e a combatterla. Non si da più che siano i comandanti in capo a guerreggiare recandosi in prima linea ad ammazzare e rischiare di essere ammazzati come poteva essere un tempo. Chi decide, pianifica e organizza le guerre se ne sta al chiuso ben riparato. Solitamente non espone a rischi neppure famigliari e parenti. E lucra sulla morte di soldati mandati al macello e dei civili che cadono sotto le bombe. Al più fingono lacrime di circostanza, quando accade, definendoli vittime collaterali. Come è possibile che la gran parte della gente, a iniziare da chi è mandato a combattere sia così cieca da non accorgersi che è usata come pezzi di ricambio di nessun valore? La propaganda volta a convincere della inevitabilità, se non della bontà della guerra sa essere per molti, troppi, assai persuasiva; purtroppo. Si insinua nell’animo delle persone, è instillata a piccole dosi come veleno fin da giovani, quando serve accendere la miccia necessaria a mobilitare gli eserciti preparati per questo, basta poco. Anche chi non è comandato al fronte piega la testa e l’accetta come dovere sacrosanto perché gli hanno insegnato che è giusto, doveroso opporsi al violento, se attaccati, con uguale violenza, o anche più grande perché si continua a far credere che la violenza sia l’unico rimedio ai conflitti che possono insorgere. Nelle guerre tra Russia e Ucraina, tra Israele e Palestinesi, per restare alle due più citate e a noi più vicine, le parole d’ordine sono identiche e anche i rimedi proposti. Facendo leva sull’assunto che ci troviamo davanti a un aggressore e un aggredito, si giustifica la risposta, la più dura ed esemplare possibile, volta a sconfiggere e possibilmente annientare il nemico. Il nemico è sempre demonizzato e reso, nella narrazione mainstream, abominevole a prescindere da qualunque altra considerazione. Schierarsi per la pace diventa tradimento, connivenza con il nemico. Di quanti morti ammazzati necessita un cessate il fuoco? E una tregua in vista di un trattato di pace? Quanto deve essere distrutto un popolo, un paese prima che prevalga la ragione sulla esaltazione dell’eroica impresa atta a celebrare ancora e ancora militi ignoti morti per una patria matrigna? Davvero non avrà futuro questa nostra umanità fino a che la guerra come strumento di risoluzione dei conflitti non sarà resa illegale e dichiarata cosa oscena da ripudiare.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1569324
OggiOggi710
IeriIeri1337
Questa settimanaQuesta settimana3195
Questo meseQuesto mese14347
TuttiTutti1569324