Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Sabato 20 Gennaio 2024 12:16
20 gen 2024
AVVISAGLIE DI GUERRA
Scritto da Piergiorgio |
Letto 477 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Al di qua dell’immaginario sicuro confine, quello che perpetua in noi che vi risediamo, l’illusoria convinzione che la guerra sia cosa che necessariamente riguarda e riguarderà altri e non noi, sfuggono a molte, troppe persone le avvisaglie che dicono altro.

A leggerle scevri da pregiudizi, per quanto è possibile conservare lucidità di pensiero nel frastuono di così tante notizie che ci vengono rovesciate addosso, difficile sottrarsi a ben più che una semplice sensazione, che ci vogliano cioè persuadere dell’inevitabilità di una guerra che prima o poi – nostro malgrado! – ci tengono a ribadire, mettendo le mani avanti, ci vedrà direttamente coinvolti. Guerra contro la Russia o anche altri paesi; guerra in difesa della civiltà occidentale, della democrazia, volta a difenderci, non ad attaccare. Sanno bene come preparare l’opinione pubblica a predisporsi ad accettare anche ciò che in altri momenti mai accetterebbe. Funziona come con tutto ciò che dà dipendenza. Inizia con rimandi all’apparenza neutri o seducenti, poi si fa via via manifesta l’insistenza sulla improrogabilità di scelte che si fanno, è ovvio, obtorto collo, in previsione di un bene superiore. È chiaro che ai nostri tempi non sono più spendibili slogan utilizzati in passato per motivare sostengo a ciò che appare sempre più cosa oscena, ma i modi di manipolare le opinioni pubbliche ci sono anche ai nostri giorni e a quanto pare funzionano a meraviglia, basti osservare il consenso che ottengono leader che a vederli da vicino nel migliore dei casi fanno pena, se non orrore. Putin potrebbe attaccare l’Europa, ci avvertono, e allora occorre prepararsi armandosi e possibilmente prevenirlo. Si aumentano le risorse economiche per gli armamenti e si disegnano possibili scenari di guerra; si rinforzano e si militarizzano i confini orientali, si predispongono manovre militari spacciandole come routine. Anche il nostro Paese non è da meno e tanto per cominciare si cerca di affossare la legge 185/90 sull’export militare iniziando con l’eliminazione di ogni informazione riguardo agli Istituti di credito che operano nel settore dell’import/export di armamenti, di modo che i correntisti non sappiano più quali banche ottengono profitti dal commercio di armi. Le armi si costruiscono per utilizzarle. Ritenere che non sia così è da imbecilli. Nessuno investirebbe risorse ingenti in qualsiasi prodotto che non porti degli utili. L’unico modo che frutta utili nel campo degli armamenti è il loro commercio e il loro utilizzo. Il prodotto finale dell’uno e dell’altro caso è la guerra. La guerra significa solo e sempre dolore, morte, distruzione e odio. Il 90% delle vittime di guerra sono civili, in maggioranza donne e bambini. Se i governanti avessero a cuore il bene delle persone, se noi, avessimo a cuore il bene nostro e degli altri, ci convertiremmo a un modo diverso di affrontare e gestire i conflitti che sono inevitabili, sia tra individui, sia tra popoli e nazioni, ma nonostante la storia e l’attualità mostri a iosa l’assurdità della guerra e della risoluzione dei conflitti attraverso la violenza e l’uso delle armi, si continua imperterriti verso… l’abisso. La pace cammina sulle nostre gambe, quelle di ciascuno di noi e quelle di chi deleghiamo a governare. Le guerre non son una fatalità, così come la pace, il dialogo, la concordia non nascono dal niente. Spetta a noi decidere direzione e senso di marcia, prospettive e costruzione del futuro: nostro e dei nostri figli e nipoti.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1546667
OggiOggi1086
IeriIeri968
Questa settimanaQuesta settimana7769
Questo meseQuesto mese21746
TuttiTutti1546667