Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

15 dic 2023
ARRENDERSI, MAI!
Scritto da Piergiorgio |
Letto 376 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(1 Vota)

Ci stiamo avviando a grandi passi verso la conclusione di questo 2023 e il carico di dolore del mondo appare sempre tanto grande da indurre a sentimenti, se non di disperazione, certo di lacerante impotenza.

Come reggere lo sguardo supplicante e doloroso delle migliaia di bambini che si aggirano smarriti tra le macerie, le tendopoli improvvisate, con i piedi nel fango nella striscia di Gaza? E come sostenere quello altrettanto dolente dei bambini israeliani già vittime di sequestro e trattamento inumano da parte dei loro rapitori? E quello dei bambini ucraini oggi quasi velato, tacitato dalle notizie e dalle immagini dei primi? Per non parlare degli sguardi che neppure conosciamo dei bambini di altri contesti di guerra che non riescono a rompere la barriera di silenzio dei nostri media. Qui da noi, in queste nostre atmosfere asfittiche ed edulcorate, farcite di melodie inneggianti la vita di un Bambino nato oltre 2000° anni fa di cui è facile fare memoria in modo indisturbato, senza agganci con l’attualità non meno drammatica di quella che lui stesso ha vissuto a suo tempo, ci è oltremodo facile scambiare sentimenti di mielosi e convenevoli auguri di pragmatica per impegni di solidarietà e condivisione con poveri, emarginati, perseguitati. Ma quel Bambino nato a Betlemme, in una terra, allora come oggi, dominata da potenti arroganti e crudeli, percossa da ribellioni altrettanto violente quanto quelle degli oppressori, nella sua impotente condizione di neonato, povero tra povera gente, non è segno di rassegnazione, né di opposizione violenta a un potere violento. È segno di uno sguardo altro sul mondo; impronta di un Dio che si fa prossimo a quanti versano in condizione di schiavitù, invito a gioire, promessa di futuro e pienezza di vita. Certo, la strada che indica è una strada difficile, tracciata su rigo musicale che il mondo non concepisce: la strada della libertà, dell’impegno ad amare tutti, sempre, rinunciando ad ogni vendetta e sopraffazione, a non smetter mai di osare sperare con tutti, impegnandosi con responsabilità a promuovere diritto e giustizia senza arrendersi mai. È Natale soltanto se sapremo fare nostro il cammino fatto da quel Bambino; da Betlemme al Golgota, se necessario. Auguri di cuore lettrici e lettori di questo modesto diario trascurabile.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1508101
OggiOggi562
IeriIeri1008
Questa settimanaQuesta settimana4043
Questo meseQuesto mese12014
TuttiTutti1508101