Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Domenica 08 Agosto 2021 19:04
08 set 2021
Quello che non si può dare (Mt 25,1-13)
Scritto da Piergiorgio |
Letto 269 volte | Pubblicato in Sulla tua parola
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Mt 25,1-13

25 1 Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. 2Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; 3le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l'olio; 4le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l'olio in piccoli vasi.

5Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. 6A mezzanotte si alzò un grido: "Ecco lo sposo! Andategli incontro!". 7Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. 8Le stolte dissero alle sagge: "Dateci un po' del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono". 9Le sagge risposero: "No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene". 10Ora, mentre quelle andavano a comprare l'olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. 11Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: "Signore, signore, aprici!". 12Ma egli rispose: "In verità io vi dico: non vi conosco". 13Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l'ora.

 

Il rifiuto delle vergine sagge di donare un po’ del proprio olio alle stolte potrebbe sembrarci uno sgarbo, un rifiuto solo in parte immotivato e comunque non degno del comportamento di un credente. Tutto sta nel comprendere il significato di quell’olio. Se si trattasse semplicemente del carburante per alimentare le lampade, forse il rifiuto di donarne un po’ sarebbe un gesto di egoismo. Avrebbero potuto analizzare meglio quello che si poteva fare con quanto era rimasto alle sagge, suddividerne un po’ ciascuna, così che non mancasse a nessuna la possibilità di usare delle rispettive lampade. Ma c’è una cosa che nessuno può donare ad altri ed è la crescita nell’amore e nell’umanità. A ciascuno di noi sono offerte continuamente delle opportunità per crescerei umanamente e spiritualmente, opportunità che sta solo a ciascuno di noi cogliere o meno. Se non le cogliamo, quando si presentano difficoltà, contrarietà, ostacoli, avversità saremo in grado di farvi fronte solo nella misura della maturità raggiunta. Nessuno può prestarci la propria.

1 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1004279
OggiOggi265
IeriIeri448
Questa settimanaQuesta settimana1944
Questo meseQuesto mese1220
TuttiTutti1004279