Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

27 lug 2022
GUARDARE OLTRE
Scritto da Piergiorgio |
Letto 401 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

C’è il rischio concreto in questo momento storico di lasciarsi sopraffare da scetticismo e sconforto, chiudendosi ancor più in se stessi di quanto già non lo siamo, pensando che tanto non cambierà mai niente.

Se a prevalere tra le persone fossero questi sentimenti, la pronosticata vittoria elettorale della destra avrebbe ancora maggiori possibilità di riuscita. Certo, nel campo avverso non è così facile e spontaneo ritrovarsi per molti; per tante ragioni e perché non c’è un solo schieramento, pur composito, nel quale porre la propria fiducia. Il quadro politico che emerge, non da oggi, è speculare alla fotografia del nostro Paese, che è quella di una realtà con profonde divisioni al suo interno, difficilmente componibili. Gli interessi in gioco, in parte rappresentati dai vari e differenti soggetti politici in campo sono interessi categoriali o di lobby specifiche che, più o meno legittimamente, operano per loro convenienza. Ne è riprova il fatto che l’astensione dal voto anche da noi si sta facendo sempre più vasta, segno di concreta sfiducia e disinteresse. Invertire questo trend non sarà facile nemmeno nella prossima tornata elettorale e di certo non serviranno a questo scopo appelli generici al diritto/dovere del voto oppure promesse volte ad agguantare qualche migliaio di voti in più. Giustamente la gente è stufa di promesse non mantenute e di comportamenti da parte degli eletti a dir poco scandalose. C’è un corpo elettorale da conquistare che è quello del non voto ed è quello che può fare la differenza. Sovente è lo stesso che dalle politiche fin qui esercitate dai vari governi ha avuto meno attenzione e meno benefici. Sono le persone che vivono sotto la soglia della povertà, che si sono impoverite, che non riescono ad arrivare a fine mese; i disoccupati, i precari e via elencando. A tutte queste persone non servono promesse mirabolanti ma impegni seri, circostanziati di interventi volti a far loro superare la situazione di indigenza che li imprigiona. La destra usa slogan dall’apparenza accattivanti nell’intento di far breccia tra costoro e tante volte ci riesce pure. Non sarà l’agitare lo spauracchio della paura di una destra siffatta al potere a distogliere costoro dalla tentazione di votarla, quanto piuttosto l’offerta di candidati e candidate di specchiate onestà, capacità e competenza, che sanno stare tra le gente non solo in campagna elettorale, che la sanno ascoltare e comprendere, capaci di uno sguardo al futuro e mossi da passione politica, senza interessi personali da difendere. In fondo, forse sarà banale dirlo, ma per essere credibili, come politici basterebbe fare esattamente il contrario di quanto hanno fatto in tanti, troppi leader e leaderini in questi ultimi vent’anni. Non ci vuole molto per essere migliori e più credibili di un Salvini, Berlusconi e Meloni: basta essere persone normali, capaci di usare la testa, il cuore, impegnandosi  fattivamente per il bene comune, proponendo obiettivi concreti di speranza volti a costruire un futuro diverso, migliore, nel quale ci sia spazio per tutti, a iniziare dai giovani e da chi fa più fatica a vivere.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1222693
OggiOggi292
IeriIeri520
Questa settimanaQuesta settimana967
Questo meseQuesto mese3672
TuttiTutti1222693