Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

11 feb 2013
DON DANTE, AMICO E FRATELLO
Scritto da Piergiorgio |
Letto 3174 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(2 voti)

A partire da oggi, anche i barboni, gli emarginati, i senza casta, possono affermare di avere un loro santo in Paradiso. Don Dante, il prete dei barboni, ha fatto quel “tuffo nell’oceano della misericordia di Dio” come amava definire la sua morte. E da “peccatore perdonato”, altra sua definizione, ha potuto finalmente contemplare il volto di quel suo Signore, che è stato sempre suo riferimento di vita, ragione prima del suo operare e del suo essere; motivazione profonda delle sue scelte.

Accanto alla tristezza per la mancanza materiale della sua presenza, in questo momento, mi pervade un senso di gioia e di riconoscenza profonda per averlo avuto come amico, fratello e compagno di cammino per lunghi anni. A lui devo tantissimo. Ci ha legati un’amicizia profonda, fatta di grande rispetto vicendevole, di affetto sincero, di sostegno reciproco nei momenti di difficoltà e di tanti momenti di spensierata allegria, sì, perché con don Dante ci si divertiva anche, quasi anticipo di quel banchetto del Regno futuro al quale ci si immaginava di poter assidere, assieme ai nostri compagni di strada, nella finalmente ritrovata concordia e accettazione vicendevole. In fondo il senso ultimo dell’opera avviata con la nascita del Punto d’ incontro, non consisteva forse nello spezzare il pane della vita e il vino della gioia, per una ritrovata fraternità tra tutti, iniziando dagli scarti di questa nostra società? Il suo, il nostro sogno, è stato quello di porre un piccolo segno di quella chiamata alla condivisione del nostro essere e del nostro avere che è fondamento, per i credenti cristiani, della fede nel Dio rivelatoci da Gesù di Nazareth. E don Dante ha disseminato, lungo tutti questi anni, il suo cammino di innumerevoli gesti di generosità e condivisione con i più poveri, a partire dalla quotidianità così frequentemente banalizzata tante volte da noi tutti o snobbata, nella ricerca del gesto eclatante. La sua testimonianza di amore fedele verso i più poveri si è esplicitata non solo nella scelta fatta a suo tempo di condivisione con quanti fanno più fatica a vivere, lasciando la prestigiosa parrocchia si san Pietro, ma forse ancor più nella scelta di rimanere al suo posto anche dopo aver rinunciato al suo ruolo dirigente, abitando una modesta stanza parcamente arredata, accettando la fatica della solitudine, del declino fisico, del dover accettare di essere accudito per ogni necessità, immerso nella preghiera continua per tutti. E in questa situazione di fragilità, reggendosi a fatica sulle gambe, voler essere presente al pasto consumato dagli ospiti, per porgere loro un saluto; rivolgere loro una parola, interessarsi a come stavano. Magari senza essere da qualcuno riconosciuto (visto il grande turn over fra gli ospiti), ed essere scambiato per una vecchietto qualsiasi che abitava la casa. Immaginando il suo ingresso nella Vita piena, amo pensare che sia stato accolto da sua mamma Amalia, della quale conservava una memoria grata e commossa, e da quei tanti amici che lo hanno preceduto e dei quali faticava a ricordare i nomi – uno dei suoi limiti; accadeva un po’ con tutte le persone – ma che certamente portava instancabilmente nel cuore e per i quali si commuoveva, ricordandone le vicende. Credo che don Dante sia stato un dono di Dio per molte persone e che la cittadinanza tutta debba essere riconoscente a questo prete che ha saputo porre un segno di credibilità evangelica nei nostri tempi. Sarebbe però tradirne la memoria, volerne fare un’icona, un santino, rifiutando la provocazione che ci viene a tutti quanti dalla sua storia di uomo, di credente, di prete che si è lasciato convertire dai poveri fino a farsi loro compagno di strada. Il messaggio che ci viene da don Dante, attraverso la sua esistenza, più ancora che dalle sue parole, che pure ha pronunciato con la schiettezza che lo contraddistingueva, è che siamo tutti fratelli perché figli di uno stesso Padre; che non hanno ragione di esistere discriminazioni di sorta, esclusioni. Che tutte le persone hanno diritto a poter vivere una vita dignitosa; che non si può escludere nessuno dal banchetto della vita e che per far questo bisogna che ciascuno si assuma la sua parte di responsabilità. E infine che tutto questo deve essere fatto accettando di pagarne il prezzo, se occorre; si, perché a parole sono in molti a sottoscrivere, ma quando si opera davvero in questa direzione, si viene anche tante volte osteggiati, considerati dei visionari. Magari poi anche riveriti e qualche volta osannati; difficilmente, o più raramente, imitati.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

276450
OggiOggi11
IeriIeri250
Questa settimanaQuesta settimana695
Questo meseQuesto mese4898
TuttiTutti276450